Con la Riforma Cartabia dal 28 febbraio 2023 ci si può rivolgere anche al Notaio, oltre che al Giudice, per le autorizzazioni alla stipula degli atti pubblici e scritture private autenticate nei quali interviene un minore, un interdetto, un inabilitato o un soggetto beneficiario dell’amministrazione di sostegno, oppure relative ad atti che hanno ad oggetto beni ereditari.

In caso di minore, interdetto, inabilitato o beneficiario di amministrazione di sostegno l’autorizzazione che il Notaio rogante – previa richiesta scritta delle parti, personalmente o per il tramite di procuratore legale – può rilasciare serve a:

  • Accettare in donazione un immobile
  • Vendere/acquistare un immobile
  • Permutare un immobile
  • Dividere un immobile con altri
  • Accettare o riunciare l’eredità
  • Accettare legati
  • Cancellare ipoteche
  • Intervenire in un atto di mutuo come datore di ipoteca.

Come funziona?

Il Notaio rogante rilascia l’autorizzazione, ai chiamati all’eredità o agli eredi, al curatore dell’eredità giacente e all’esecutore testamentario, verificando la necessità o l’utilità evidente di straordinaria amministrazione nell’interesse del sottoposto a misura di protezione. Comunica l’autorizzazione alla Cancelleria del Tribunale e al Pubblico Ministero presso il tribunale che sarebbe stato competente a emettere il provvedimento. L’autorizzazione diventa efficace decorsi 20 giorni dalle comunicazioni al Tribunale e al Pubblico Ministero, senza che sia stato proposto reclamo.

Si riducono, pertanto, notevolmente i tempi di autorizzazione.

Il Notaio rogante non può utilizzare l’autorizzazione emessa da un altro Notaio, nè può stipulare l’atto in base all’autorizzazione rilasciata da un altro Notaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 1 =